BANANO Indipendenza per la vita

Banano era un gatto indipendente, nato nella comunità dei randagi di Monte, aveva conquistato tutti per il suo carattere e le sue zampotte corte.

bananoasi1

bananoasi2

bananoasi

 

 

 

bananopeci1

bananopeci

bananoanna1

 

 

 

 

 

Il nome gli era stato dato da un bimbo di 6 anni, da tempo si era fatto adottare da una famiglia. In casa però entrava solo per mangiare e dormire perchè il suo spirito era rimasto indipendente. Lo si poteva vedere in piazza in quella piazza dove ieri ha lasciato la vita. Un cane di grossa taglia, lasciato libero, lo ha azzannato lacerandogli una zampa. Lo abbiamo trovato in un lago di sangue ed acqua, perché ieri diluviava, e non è servita a nulla la corsa in auto all’ambulatorio, e le amorevoli cure praticategli, questa mattina il suo cuore ha ceduto. Le persone che non hanno accanto un animale penseranno: infondo era solo un gatto! Ma noi, di lui, ci erano innamorati . Oggi tutti i proprietari di gatti  li hanno chiusi in casa, ma domani?… Al suo posto poteva esserci una persona, magari un bimbo.

Perché QUI, e ripeto QUI, alcuni padroni di cani (turisti ed abitanti) lasciano l’animale LIBERO DI GIRARE e SPORCARE, senza guinzaglio e/o museruola e quando qualcuno glielo fa notare rispondono pure in malo modo.  Senza alcun rispetto per gli Operatori Ecologici che tutte le mattine devono rimuovere i loro “ricordini”.  

Una signora è stata azzannata ad un braccio, un’altra è riuscita a scansarsi in tempo, una cagnetta è stata saltata dal suo padrone.

E le autorità cosa fanno in proposito? Domani mi recherò dai vigili e dai carabinieri e vi farò sapere cosa mi hanno risposto.

Lunedì 26/1 – Questa mattina è stato presentato un’esposto, al Comune ed ai Carabinieri, segnalando anche la pericolosità del cane con l’istinto aggressivo. Anche LA LEGA DEL CANE di Spezia farà un’intervento al riguardo e speriamo che il sacrificio di BANANO non sia stato vano. (Gli sviluppi saranno sempre pubblicati)   

Ciao Banano non ti potremo dimenticare.

Foto di Alessandro Meneghini, Maurizio Peci ed Annalisa Bertoletti

 

7 risposte a “BANANO Indipendenza per la vita

  1. Cara Laura,
    mi dispiace moltissimo per Banano e capisco la tua rabbia per come sono successe le dinamiche dell’accaduto.
    Fai benissimo a difendere ciò che dovrebbe essere un diritto per tutti e cioè quello di frequentare tranquillamente le viuzze del Borgo.
    Purtroppo troppa gente confonde la libertà dell’agire con la possibilità di fare tutto ciò che vuole.
    Un cane mordace è come un’arma sempre carica e come tale andrebbe gestita.
    Giorgio

  2. Mi dispiace molto,potrà essere banale ma davvero. So bene quanto possano essere fonadamenta gli gli animali nella vita di un uomo che sappia cosa significa essere un amico sincero e semplice come solo l’animale in sè può essere, ma il problema è che pochi vedono in loro questo, e spesso se ne fregano altamente della loro vita e dell’importanza che possono avere nelle nostre vite. Banano continuerà a zampottare per Monte e nel nostro ricordo. Un abbraccio, Ginevra.

  3. Cara Laura
    ti sono vicina più che mai.
    Banano, che dire, un ricordo emozionante che mai chiuderemo in un cassetto. Ricordati che tutti i gatti di Monte hanno bisogno di te e sono davvero fortunati ad avere una mamma così combattiva e protettiva.

    Un abbraccio forte e …regalaci un sorriso
    Annalisa

  4. solo oggi ho potuto leggere quanto descritto da Laura. Mi dispiace molto per Banano. Anch’io ho un gatto e capisco perfettamente l’affezione che si nutre per questi felini.
    Ci sono altri risvolti?
    Anch’io mi sarei comportata in tale modo. Ao anche i cani, il pastore tedesco, in particolare, mi ricorda l mia infanzia ma sicuramene non vanno lasciati a spasso da soli e i famosi “ricordini”, li farei mangiare ai loro padroni ineducati ed egoisti.

    Ciao
    Un abbraccio
    Mary

  5. Il mio contributo è questo e mi scuso in anticipo dato il soggetto: sono venuta in vacanza per due settimane a Montemarcello, abbiamo respirato la serenità del borgo e della maggior parte degli abitanti con l’annessa meravigliosa comunità dei gatti, la tolleranza ed il rispetto dimostrato verso bambini, gatti, cani..magnifico…preciso che io ho portato con me la nostra gatta, che è rimasta in casa perchè anziana ma anche per non disturbare la comunità felina, il criceto, ed un cane. Il cane lo portavo tutti i giorni per più volte al giorno nella zona parcheggi per sporcare, oppure sulla passeggiata per Punta Corvo, ed in tutte le situazioni ripulivo rigorosamente i bisogni depositati dal cane, come faccio d’abitudine anche in città. Abbiamo vissuto una dimensione molto serena, che purtroppo si è infranta il penultimo giorno di permanenza – grazie ad una zelante anziana del borgo, (che non avevo mai visto nelle due settimane precedenti e che quindi non aveva mai visto noi), che si è presa la libertà di accusarmi del fatto che il mio cane aveva lasciato un regalino sul prato antistante la nostra abitazione…alla mia risposta che il regalino in questione non l’aveva lasciato il mio cane (se avessimo avuto quest’abitudine ne avrebbe trovati forse una trentina di regalini), anche perchè eravamo appena rientrati dalla passeggiata (inoltre facevo notare che non corrispondeva alla taglia del mio cane), mi sono sentita dire: solo lui vedo qui in giro”! come se non transitassero altri cani per la piazza principale a tutte le ore del giorno! Al che avendo in tasca i miei sacchetti e avendo capito che era inutile convincere una persona che si lancia in accuse senza nemmeno conoscere le situazioni ho pulito, per il buon nome dei padroni di cani in villeggiatura. Bella accoglienza per noi visitatori che comunque portiamo vitalità al borgo, e che rispettiamo la natura, le regole, gli altri. Non siamo stati ripagati con altrettanto rispetto. Infine, parlo da persona che ha convissuto vent’anni con due gatte, ed in tempi più recenti ha preso un cane dal canile: esiste anche questa realtà.. quella dei cani abbandonati e che vanno adottati- è lodevole chi si occupa delle comunità dei gatti ma non meno impegno mettono coloro che salvano un cane dal canile, e si trovano inoltre mille barriere e difficoltà nell’andare in vacanza. Facciamone cadere almeno una: quella della accuse ingiuste.
    ps la signora in questione, che dava l’acqua alle proprie piante, non si occupava delle povere gerbere secche sulla fontana monumento in piazza 14 dicembre, pochi metri più in là dal suo naso… ma ci ho pensato io. Ora sono partita ma spero che qualche altro turista abbia il buon cuore di occuparsene.

  6. Ho letto il messaggio di Silvia e desidero aggiungere una lamentela sull’argomento.
    Siamo una famiglia costituita da Papà, Mamma, Matteo di 5 anni e Fabio di 2 e Molly,
    una micia di 6 anni alla quale i bambini sono legatissimi. Non posso pensare al momento
    in cui dovrò dire loro che non c’è più.
    Desidero esprimervi la mia solidarietà sul problema dei cani lasciati liberi.
    La scorsa estate, durante la vacanza a Marinella, siamo venuti in visita a Montemarcello. Passeggiando per le stradine del paese, chiuse al traffico delle auto, abbiamo concesso al
    bambino più grande, di muoversi in libertà ma abbiamo avuto una sgradita sorpresa: Matteo
    aveva calpestato quello che vuoi avete definito “ricordino” e le scarpine erano così imbrattate
    che ho dovuto buttarle. Mia cugina, che conduceva il passeggino di Fabio, ha avuto lo stesso
    sgradito incontro. Sono venute in nostro soccorso delle signore del paese rassegnate per
    l’inciviltà di alcuni proprietari. Hanno aggiunto che gli abitanti danno la colpa ai turisti ed a
    quelli che hanno le 2e case ma quel problema c’è anche in inverno.
    Mi chiedo come sia possibile che avvenga in un paesino così piccolo dove tutti si conoscono,
    I Comuni si lamentano per i tagli subiti con la finanziaria abbiano il coraggio di fermare e
    multare gli incivili non solo le macchine incustodite.
    Paola

  7. Povero Banano, posso solo scrivere, che a volte basterebbe solo un po’ di buon senso da parte di noi “umani”.
    Amo in modo speciale Montemarcallo, da 20 anni mi reco in ferie a Marina di Massa, e come sempre visito questo bellissimo borgo e i suoi abitanti a 4 zampe ^_^
    Sul mio stream troverete molte foto in tal senso.
    Un abbraccio

    Gatto di Montemarcello
    Gatto di Montemarcello

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...